Dieci vini che consigliamo a Natale

Bollicine, bianchi, rossi o per il dopocena. Dieci etichette da regalare o da stappare durante i brindisi di Natale.

Bollicine

Champagne Noble Cuvée Brut Vintage 2002 Lanson
Si dice che esiste uno Champagne adatto per ogni momento, ma questo fa un’eccezione. Lanson, forte di quasi 260 anni di storia, è tra le più importanti maison della Champagne, tanto che dal 1860 è fornitrice di Buckingham Palace. Dopo tanti anni di affinamento sui lieviti, il Noble Cuvée Brut Vintage 2002 è un vino complesso, dove l’eleganza del frutto sfuma in note di frutta secca e torrefazione; al contempo, è uno Champagne vibrante, molto armonico, fresco, agrumato e facile da bere. Servitelo durante una grande cena di pesce e crostacei o stappatelo per un brindisi di mezzanotte, per cominciare il nuovo anno sotto il migliore degli auspici.
115 euro. lanson.com

Champagne Réserve Exclusive Brut Nicolas Feuillatte
Ci sono tutte le uve della Champagne, chardonnay, pinot nero e pinot meunier, in questa cuvée che riposa almeno 36 mesi sui lieviti, prima di proporsi gioiosa e vibrante con i suoi profumi di pera e crostata di albicocche. Calice perfetto per l’aperitivo, può essere proposto anche con antipasti di mare e a base di verdure. Ma tenetelo in considerazione anche come regalo di rappresentanza, al dottore, all’avvocato e al commercialista, perché vale molto di più di quel che costa.
30 euro. Importato in Italia da Valdo, valdo.com

Franciacorta Pas Dosé Riserva 2008 Mosnel
Un progetto più che riuscito quello di Giulio Barzanò, che nelle cantine storiche della sua azienda ha lasciato affinare per dieci anni poco meno di 6.000 bottiglie, frutto delle uve biologiche, coltivate nei vigneti di Passirano, e di una vendemmia eccellente. Alla presentazione, il nuovo nato di casa Mosnel, un blend di chardonnay (60%), pinot bianco (20%) e pinot nero (20%), ha fatto incetta di premi, collocandosi tra le grandi bollicine di Franciacorta. Ha colore ammaliante, perlage finissimo, profumi e gusto armonici di mandorla, frutta esotica, agrumi canditi, con ricordi balsamici, iodati e nessun dosaggio per permettere a uve e territorio di esprimersi al meglio. Provatelo con un risotto agli scampi o una costoletta alla Milanese.
60 euro. mosnel.com

Bianchi

Appius 2014 Cantina San Michele Appiano
Arriva dall’Alto Adige uno dei più grandi vini bianchi italiani, pensato dallo storico kellermeister di Cantina di San Michele, Hans Terzer, e ideale per un regalo importante. L’enologo sceglie ogni anno le uve migliori e le assembla in modo da dare vita a una cuvée unica, espressione dell’annata e del terroir. Il millesimo 2014, il quinto Appius prodotto, ha 65% di chardonnay, 15% pinot grigio, 12% sauvignon e 8% pinot bianco. Dopo il lungo affinamento in botti piccole, è un bianco elegante e capace di invecchiare a lungo. I suoi intensi profumi di fieno, pesca gialla, menta e miele ne ricordano la provenienza alpina e lo rendono un compagno ideale per pesci e carni bianche con salse elaborate.
110 euro. stmichael.it

Riesling Grand Cru Praelentenberg 2015 Domaine Fernand Engel
Tra i vini che fanno battere il cuore agli appassionati, il Riesling ha un posto di primo piano. E tra i territori dove il vitigno riesce a esprimersi meglio, c’è di sicuro l’Alsazia. Il Domaine Fernand Engel ha sede a Rorschwihr, proprio nel centro della regione, ed è una delle più grandi aziende a coltivare le uve in regime biologico e biodinamico. L’annata 2015 è stata molto calda e le uve, cresciute su suoli ripidissimi, ricchi di selce, ferro e quarzo, ci hanno regalato un vino sontuoso e complesso, con profumi di fiori di acacia e limone, ma al contempo facile da bere, grazie a un perfetto equilibrio tra le note dolci e l’acidità vibrante. È da provare con salmone al forno, pollo al limone, ossobuco in gremolada.
35 euro. Importato da Vino&Design, vinoedesign.it

Rebula Opoka 2016 Marjan Simcic
Un piede in Italia e uno in Slovenia. Così Marjan Simcic coltiva le sue vigne in una meravigliosa terra di confine, a metà strada tra il mare e le montagne. La sua rebula, ribolla gialla in italiano, cresce su uno speciale terreno che le dona finezza e mineralità. Dopo una vinificazione in ovetti di cemento, a contatto con le bucce, il vino si presenta con un intrigante color oro: buonissimo adesso, è da scoprire con qualche anno di invecchiamento. È la bottiglia perfetta da regalare agli appassionati di vino più smaliziati; stappatela con antipasti di crostacei e salmone affumicato, sushi e uova con tartufo.
46 euro. simcic.si

Rossi

Piave Raboso Furioso 2011 Setteanime
Buono e giusto questo Raboso della Cantina Setteanime che, sotto Natale, aderisce a un progetto solidale e viene “vestito” con delle coloratissime “wine bag”, pezzi unici realizzati da una cooperativa di donne indiane con vecchi sari tradizionali. Il raboso è un vitigno autoctono del Veneto orientale che merita di essere più conosciuto di quello che è. Dopo un affinamento di 24 mesi, di cui 12 in botte, il Furioso 2011 ha profumi di ciliegia, spezie ed erbe; è un vino fresco, elegante e gradevole anche per i palati meno esperti. Provatelo con carni di maiale, anche affumicate.
29,90 euro. setteanime.com

Pinot Nero Nawàri 2015 Duca di Salaparuta
L’Etna è uno dei territori italiani più entusiasmanti per la produzione di vini bianchi e rossi, a base delle uve locali carricante e nerello mascalese. Meno famose sono le etichette di pinot nero, un vitigno bizzoso, che difficilmente dà risultati lusinghieri fuori della sua terra di elezione, la Borgogna. Fa eccezione il Nawàri 2015, cui i terreni vulcanici hanno donato freschezza, struttura e seducenti profumi di ciliegia croccante e macchia mediterranea. Divertitevi a proporlo con la bottiglia coperta, chiedendo al vostro amico sommelier dove potrebbe essere stato prodotto. Assaggiatelo con tagliatelle al ragù, stinco di vitello al forno o, servito, più fresco, con un filetto di tonno alle erbe.
32 euro. duca.it

Nizza Cipressi 2016 Michele Chiarlo
Il Nizza Cipressi 2015 di Michele Chiarlo, un rosso a base di barbera, è diventato all’improvviso uno dei vini più famosi e ricercati. È successo quando la celebre rivista americana “Wine Enthusiast” lo ha eletto migliore vino del mondo per il 2018. L’annata 2016, ora in commercio, non è da meno, con gli eleganti profumi di frutti rossi e tabacco e il gusto rotondo, ravvivato dal finale sapido. Stappatelo con lasagne al forno, salumi e carni rosse.
16 euro. chiarlo.it

Dopocena

Marsala Superiore Rubino Dolce 2015 Uncle Joseph Cantine Pellegrino
Fa parte della nuova collezione di Cantine Pellegrino, ispirata ai personaggi che hanno reso grande la storia di questo celebre vino siciliano, con una veste di impatto, che si è guadagnata il premio speciale “Packaging 2018 di Vinitaly” e che è pensata per fare apprezzare il Marsala anche ai più giovani. Uncle Joseph, prodotto con uve di Nero d’Avola, è dolce fresco e fruttato, con profumi di ciliegia e prugna. Provatelo con dolci al cioccolato o sperimentatelo per creare cocktail innovativi.
18 euro. carlopellegrino.it